Nonostante siamo in un periodo storico in cui la Globalizzazione stà unificando tutto il mondo, esistono comunque delle Usanze o Regole da Sapere prima di andare in Giappone.

1 – No alla Mancia

Nella cultura giapponese non è prevista la mancia
Nella cultura giapponese non è prevista la mancia

In molti paesi del mondo è buon uso se non (quasi) obbligatorio lasciare una mancia dopo aver usufruito di un servizio come ad esempio al tassista, la cameriera di un ristorante, uso dei bagni pubblici, nell’albergo.

In Giappone questa usanza NON esiste, anzi è fortemente scoraggiata e risulta quasi uno sgarbo. Mi è successa una volta in cui la cameriera mi ha raggiunto in strada dopo che eravamo usciti per ridarmi 537 Yen di moneta dopo aver pagato ed averli lasciati li ( caso poi eccezionale visto che in genere non ti perdono d’occhio al bancone finché non hai raccolto tutto il tuo resto del tuo conto ).

2 – No Soffiarsi il naso in Pubblico

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Le mascherine sanitarie hanno più ruoli di quelli che pensate

Non è una regola ferrea, se proprio ci si ritrova col moccolone vistoso meglio soffiarselo ma con discrezione e meno rumore possibile ( molti si recano in bagno o molto in disparte nel farlo ).

Ma … molti giapponesi NON si soffiano il naso in pubblico, anzi molti di loro preferiscono tirare su con il naso ( cosa che noi riterremmo ripugnante ) o nascondere il tutto con la classica mascherina sanitaria.

Strane abitudini ma è così.

Cosa fondamentale.. NON provate neanche lontanamente a soffiarvi il naso con la salviettina umidificata che vi viene data al ristorante, quello non è il suo utilizzo in nessun caso.

3 – Scale Mobili

scale mobili in giappone
Scale Mobili in Giappone

In giappone sono il mezzo più usato nelle metropolitane e negli edifici ed esiste una regola ben precisa per salirci. Si deve stare sulla sinistra se volete essere trasportati stando fermi, lasciando il lato destro per coloro che sono più di fretta e vogliono salirla camminando.

Esistono però delle zone del giappone dove questa regola è al contrario ( fermi sulla destra / si cammina sulla sinistra ) e sono nella zona del Kansai, più precisamente ad Osaka ed altre città.

4 – Non si fuma per strada, Si può fumare nei Locali

In Giappone esistono aree dedicate ai Fumatori
In Giappone esistono aree dedicate ai Fumatori

Nel caso voi siate dei fumatori e vi venisse voglia di fumare per strada mentre camminate o fermandovi in qualche angolo, sappiate che state infrangendo la legge giapponese e potete essere punibili di una multa molto salata.

In Giappone NON è permesso fumare per strada e molti cartelli sono li per ricordarlo, ma esistono zone apposite per i fumatori dove fermarsi e buttare la propria sigaretta una volta finito.

E’ del tutto logico se pensate ad una metropoli grossa come Tokyo ed a quanta gente sia a stretto contatto l’una con l’altra. La semplice sigaretta accesa nella vostra mano mentre camminate potrebbe scottare la persona vicino a voi, per non parlare del fumo passivo.

Un altro aspetto positivo di queste zone fumatori è la pulizia delle strade, visto che esistono bidoni appositi per la raccolta dei mozziconi nelle zone adibite, evitando di trovarsi le strade piene di sporco e pagare qualcuno per raccogliere ciò che un maleducato ha buttato per terra.

Le zone fumatori sono ben segnalate e presenti nelle strade e zone più di importanti, ma non in modo da essere fastidiose alle altre persone di passaggio. Molte volte sono quasi mimetizzate da pannelli o piante in qualche angolo della strada.

Paradossalmente si può invece fumare nella maggior parte dei locali al chiuso, grazie ad impianti di aerazione molto potenti che risucchiano il fumo e lo sostituiscono con aria pulita. Almeno questa è la teoria visto che in ogni caso queste zone avranno un odore molto forte di fumo. Nel migliore dei casi esistono stanze adibite ai fumatori, ben distaccate da chi vuole mangiare / bere senza odore di fumo.

5 – Carrozze per sole Donne

Le Carrozze per sole Donne in metropolitana
Le Carrozze per sole Donne in metropolitana

I mezzi di trasporto pubblico giapponese durante le ore di punta sono un vero e proprio inferno per quanto riguarda l’immenso numero di persone che salgono e si compattano come sardine l’una all’altra per raggiungere il proprio posto di lavoro.

Esiste però un piccolo problema, ossia che di tanto in tanto qualche uomo ( approfittando della calca generale ) allunga la manina verso qualche ignara lavoratrice. In queste situazioni non è mai semplice capire chi sia stato o evitare del tutto che si verifichi.

Di conseguenza esistono delle carrozze apposta ( in genere le prime due o le ultime due ) dedicate alle SOLE donne durante le ore di punta.

Queste carrozze sono ben segnalate da adesivi apposti sulla carrozza stessa o da segnali sul terreno in concomitanza di dove si troveranno le porte d’entrate della carrozza. Basta avere un pò di attenzione per questi cartelli durante alcune fasce di orari ed ascoltare gli annunci della stazione per accorgersene.

6 – Le File non si saltano, Si Rispettano

Un esempio di disposizione a file mentre si aspetta l'arrivo del treno
Un esempio di disposizione a file mentre si aspetta l’arrivo del treno

Questa regola non scritta dovrebbe vigere già per educazione altrui anche da noi in italia, ma purtroppo accade molto spesso che qualcuno salti la fila facendo il furbo.

In Giappone è molto difficile che ciò accada, visto che esistono veri e propri segnali sul terreno per indicare dove inizia una fila o verso dove deve proseguire. Si può dire che i giapponesi vadano matti per le file, e cercare di saltarle è veramente difficile visto che potreste trovarvi un addetto che gentilmente vi ricorda da dove incomincia la fila rispedendovi in fondo o non riusciate a trovare lo spazio per infilarvi per via di quanto saranno compatte.

Siate educati ed aspettate come tutte le altre persone davanti a voi.

7 – Distributori Automatici EVERYWHERE

Distributori automatici di Bibite in Giappone
Distributori automatici di Bibite in Giappone

Secondo i numeri dell’Associazione dei Distributori Automatici Giapponesi sono presenti 5,3 Milioni di Distributori Autimatici sul nipponico, ossia 1 per ogni 23 abitanti.

E’ fisicamente impossibile non trovarsi sempre nei pressi di un distributore di bevante o sigarette ovunque vi troviate in Giappone.

Esistono distributori di gelati, frutta, fiori, zuppe, uova e tantissime altre tipologie oltre alle bevande più comuni.

Sembra esagerato, ma potete fidarvi che durante le estati giapponesi ringrazierete di poter trovare qualche cosa da bere dopo aver camminato sotto il sole cuocente.

8 – Capsule Hotel

Non tutti i capsule hotel sono eleganti e belli come quello nella fotografia - 9 Hours di Kyoto
Non tutti i capsule hotel sono eleganti e belli come quello nella fotografia – 9 Hours di Kyoto

Esistono accomodazioni a prezzo ridotto per coloro che si sono attardati troppo a prendere l’ultimo treno per casa e si devono soffermare per la notte senza spendere tanto e senza tante pretese. I Capsule hotel sono una delle particolarità del Giappone per soggiorni brevi o di passaggio , prezzi piccoli per piccoli spazi per dormire.

Non sono consigliatissimi per chi soffre di claustrofobia.

9 – I Tatuaggi non sono Ben Visti

In molti Onsen Giapponesi non fanno accedere alla struttura persone con tatuaggi vistosi
In molti Onsen Giapponesi non fanno accedere alla struttura persone con tatuaggi vistosi

Coloro che hanno tatuaggi non sono ben accetti negli Onsen più importanti ( a meno che non siano così piccoli da essere coperti e non visti ). In alcuni Onsen piccoli questo problema non esiste e potrete comunque entrarvi, bisogna sempre chiedere se è un problema o no.

Questa regola fù immessa inizialmente per evitare che criminali o mafiosi ( Yakuza ) entrassero in questi locali. Nonostante siate stranieri e molto difficilmente appartenenti alla Yakuza, questa regola viene applicata in ogni caso a chiunque abbia un tatuaggio vistoso.

E’ una di quelle regole difficili da capire, ma che viene applicata in ogni modo.

10 – Pressati come sardine e Dormire sulla Metropolitana

Vige la regola " se ci stai tu ci stò anche io" nelle metropolitane giapponesi
Vige la regola ” se ci stai tu ci stò anche io” nelle metropolitane giapponesi

Come avrete già notato molte di queste regole riguardano i mezzi pubblici, e come abbiamo già detto per i vagoni per sole donne, sarà molto comune che vi ritroverete pressati come sardine assieme ad altri giapponesi sulla metropolitana.

In italia se vedessimo una carrozza piena zeppa di gente, molti di voi deciderebbero di aspettare la prossima o cercarne una più libera. In Giappone sembra valga la regola “Schiacciati che salgo anche io” ( con educazione ovviamente, ma con decisione ).

Non sarà difficile trovare qualche giapponese seduto che potrà sembrarvi in meditazione, semplicemente stanno dormendo ( o detto più gentilmente “Riposando gli Occhi” ). Capita che qualcuno crolli con la testa appoggiato al vicino, pur sempre in posizioni composte.

11 – Contante è meglio

Nei ristoranti e nei negozi in Giappone è preferibile pagare in contanti
Nei ristoranti e nei negozi in Giappone è preferibile pagare in contanti

Nonostante molti locali si stiano abituando ad accettare carte di credito, la maggior parte dei locali preferisce il pagamento in contante e non dispone di modalità per pagamento con digitale. Infatti una cosa che non mancano in Giappone sono i bancomat.

Onde evitare brutte figure e situazioni difficili, siate sempre forniti di contante Giapponese, visto che molto difficilmente ( direi MAI ) accetteranno contante estero come pagamento.

12 – Le Portiere dei Taxi non si toccano

Taxi Giapponese con le portiere automatiche attivate dal guidatore
Taxi Giapponese con le portiere automatiche attivate dal guidatore

Molti taxi giapponesi hanno le portiere posteriori automatiche. Il Tassista, tramite dei bottoni nella postazione di guida, riesce ad aprirle e chiuderle senza che voi le tocchiate. Molti di loro si arrabbieranno se provaste ad aprirle / chiuderle una volta saliti / scesi, visto che rischiereste di rompere il meccanismo interno della portiera.

13 – Tatami e Ciabattine da Bagno

IMG_3818
Tavolo con sedute tradizionali in una stanza in Tatami

Il “Tatami” è il tradizionale pavimento giapponese, formato da pannelli di paglia di riso pressata ed intrecciata. Per NESSUNA ragione ci si può salire con le scarpe o ciabatte di alcun genere, ma solamente a piedi scalzi ( le calze sono ovviamente ben accette, potete tenerle su). Altrimenti si rischierebbe di rovinare questa delicata pavimentazione con le calzature e ritrovarsi a dover rimborsare il proprietario di casa per piccoli segni su una pavimentazione costosa e delicata.

Inoltre sembra che i giapponesi vadano matti per cambiare calzatura qualora si presenti un cambio di stanza. Non è difficile appunto ritrovarsi a togliersi le scarpe all’ingresso della casa con delle ciabattine e doversele togliere per mettere altre ciabattine dedicate unicamente al bagno.

14 – Uno dei Paesi più sicuri al Mondo

Il Giappone è uno dei paesi più sicuri al mondo
Il Giappone è uno dei paesi più sicuri al mondo

La micro-criminalità in Giappone è praticamente inesistente. Con questo non stiamo dicendo che non esite e non possa capitare che veniate derubati o peggio. Le possibilità sono veramente molto, ma molto basse. Può capitare come in tutto il resto del mondo.

Una delle cose più comuni che possiate trovare lungo le maggiori strade giapponesi sono le postazioni “Koban” della polizia, dove potrete recarvi per informazioni o qualora abbiate qualche problema ( come smarrimento di effetti personali o peggio ).

In tutti i nostri viaggi non ci è mai capitato niente e non abbiamo assistito a situazioni pericolose, anzi capita spesso di vedere qualche Business Man la notte che ha perso il treno e dorme sulle panchine al parco o di vedere bambini piccoli andare da soli in metropolitana ( noi a 7 anni mai ci saremmo immaginati di venir lasciati da soli in una metropoli come tokyo per andare a scuola ).

Questo discorso però và preso con moderazione e cognizione, visto che i furbi ed i disonesti sono sempre in allerta dei turisti disattenti e troppo fiduciosi. Certe zone la notte è meglio evitarle, non girate con troppi valori addosso.. insomma le solite cose che vi diceva la mamma da giocani quando andavate da soli in giro in vacanza.

15 – Non tutti sanno l’Inglese

Non tutti i giapponesi parlano un inglese fluente
Non tutti i giapponesi parlano un inglese fluente

Nel Ventiduesimo secolo siamo oramai convinti che ovunque si vada non è importante sapere la lingua locale e basta sapere un pò di inglese che tutti lo capiranno. Sbagliato.

In Giappone l’insegnamento della lingua inglese è presente solo da qualche decennio e non tutti i giapponesi l’hanno appreso in modo decente. Nelle città principali questo problema è minimo anche se doveste parlare un minimo di inglese qualcuno che vi capirà sarà di fronte a voi, ma NON datelo per scontato.

Come può capitare anche da noi se un inglese si recasse nel Bergamasco o in Calabria ( due zone a caso ) potrebbe non trovare qualcuno che lo capisca. Stessa cosa in Giappone, un minimo di giapponese sarebbe perfetto poi ci si può affidare alla sempre verde mimica come gli oranghi quando hanno fame o devono andare in bagno.

SHARE
Nato a Manerbio nella provincia di Brescia nel 1989, vive attualmente nella città del Violino, Cremona. Appassionato da sempre di Fumetti, fra manga e comics, e del mondo del Sol Levante. Nel 2013 fonda "The Japanese Dreams . Com " assieme a Carlotta Labbate, con l'intento di creare un portale di informazione generale (Guide di Viaggio, Consigli, Articoli, Video, Fotografie) sul Giappone.